La Legge di Stabilità 2016 introduce delle misure favorevoli nei riguardi dell’abitazione principale, dei macchinari imbullonati, dei terreni agricoli e degli immobili concessi in locazione a canone concordato.

Legge di Stabilità 2016 e immobili: cosa cambia?

L’abitazione principale e le relative pertinenze due anni fa si sono liberate dell’Imu.Quest’anno invece sono esentate anche dalla Tasi. L’esonero è riconosciuto agli immobili non di lusso, che rientrano quindi un una categoria catastale diversa da quella A/1, A/8 o A/9. Per le abitazioni di lusso quindi, anche il 2016 l’aliquota Imu rimane quella dello 0,4%. Tale agevolazione Imu e Tasi è valida per ilpossessore e per il detentore (inquilino o comodatario). L’Imu dovrà comunque essere versata:

 

  • per gli immobili abitativi diversi dall’abitazione principale, e relative pertinenze ovvero le seconde case;
  • gli altri fabbricati non abitativi (gli uffici e studi privati), diversi dai fabbricati rurali strumentali;
  • le abitazioni concesse in locazione;
  • le abitazioni concesse in comodato gratuito a qualsiasi parente, che non siano state assimilate all’abitazione principale dal Comune.

Sugli immobili dati in comodato d’uso a figli o genitori, è prevista invece una riduzione del 50% della base imponibile IMU qualora il contratto di comodato venga registrato. Il comodante deve possedere inoltre un solo immobile deve avere la residenza anagrafica e la dimora abituale nello stesso comune in cui si trova l’immobile.

Leggi tutto - Fonte